Viavai
Viavai Chi siamo
Viavai Portfolio
Viavai Domini
Viavai Siti internet
Viavai Traduzioni
Viavai Promo sito/Banner
Viavai Assistenza Tecnica
Viavai Preventivi/Ordini
Viavai Bazar
Viavai Adsl
Viavai Telefonia Voip
Viavai Segnala sito

Untitled Document
Viavai Agriturismo | Alberghi | B&B | Annunci | Arte | Autostop | Eventi | Incontri on-line | Mercatini | Girotondi | Pub-Birrerie | Ristoranti | Tariffe telefono | Teatro | Tempo libero


Untitled Document
Router ADSL Wi-Fi Voip
cellulare wi-fi per skype
Modem ADSL2+ ; 1 porta LAN ed 1 USB - Pirelli Discus DRG A112

cellulare wi-fi per skype
Modem/Router Adsl WiFi e Voip integrato Pirelli Discus DRG A226G

cellulare wi-fi per skype
FRITZ!Box Fon WLAN 7140- Router ADSL 2/2+, Firewall, VoIP, Access Point Wi-Fi 125 Mb e Print Server

cellulare wi-fi per skype
Draytek Vigor 2710Vn Router ADSL2/2+ Wireless 4 LAN 10/100 2 VPN

Untitled Document

Good News !!!

TELEFONA CON SKYPE A PC SPENTO

30/06/08:Comunicazioni dall'Autority (delibere 126/07/CONS e 348/08/CONS

16/06/08:Cambiare operatore telefonico o Adsl, da questa settimana è più facile...(fonte:repubblicaonline)
01/05/07: risoluzione anticipata dei contratti SENZA PENALE

 

Untitled Document

ADSL: Base | Top | su cavo dati | Tutte le ADSL | Confronto ADSL | Moduli disdetta |Test velocita' | Telefonia | VOIP | Software | Forum | F.A.Q | Email

Acquisti : Modem | Router | Voip | Wireless | Antenne


Offerte adsl base

Non chiedeteci Telecom, Infostrada, Teletu, Fastweb etc... Rispettiamo troppo i Clienti ed il nostro lavoro.

Se volete una ADSL con BMG rivolgetevi a www.ngi.it. Non siamo rivenditori e non ci guadagniamo niente.

Se poi volete la nostra assistenza amministrativa ci date 30 € ivati. sales@viavai.com

.


Adsl top Tutto incluso

Non chiedeteci Telecom, Infostrada, Teletu, Fastweb etc... Rispettiamo troppo i Clienti ed il nostro lavoro.

Se volete una ADSL con BMG rivolgetevi a www.ngi.it. Non siamo rivenditori e non ci guadagniamo niente.

Se poi volete la nostra assistenza amministrativa ci date 30 € ivati. sales@viavai.com


Adsl No Telecom: Non esiste una ADSL che non passi per cavi Telecom, quindi il canone anche se nascosto, lo pagate sempre ai provider

Non chiedeteci Telecom, Infostrada, Teletu, Fastweb etc... Rispettiamo troppo i Clienti ed il nostro lavoro.

Se volete una ADSL con BMG rivolgetevi a www.ngi.it. Non siamo rivenditori e non ci guadagniamo niente.

Se poi volete la nostra assistenza amministrativa ci date 30 € ivati. sales@viavai.com



ADSL Mobile:

 

VOIP:ViaVaiVoip
Moduli Disdetta: da Telecom | da Libero | da Tele2 |da Alice
Domande/Risposte: Domande frequenti | Glossario dei termini usati

...................................

Confronti tariffe ADSL con i principali Provider

Domande frequenti

CLICCA SULLA DOMANDA PER LA RISPOSTA:

Cosa vuol dire la parola Adsl?

Perché si parla di trasmissione asimmetrica?
Cosa serve per attivare una linea ADSL?
Qual è la velocità di una linea ADSL?
Che significa BMG e MCR ?
Come contesto al provider una BMG non mantenuta?
Perché l'ADSL ha diverse velocità?
Che cos'è la velocità minima garantita?
L'ADSL è sicura?
La banda della mia linea ADSL viene condivisa con altri utenti?
Quanti tipi di ADSL esistono?
Come si telefona via Internet ?
Mi serve un nuovo numero di telefono per la linea ADSL?
A cosa serve il microfiltro ADSL (splitter)?
Posso usare la mia normale linea telefonica se il modem ADSL ha problemi?
Con l'ADSL continuo a pagare le telefonate?
Perche' pur avendo cessato il contratto fonia con Telecom continuo a pagare il canone ?
Qual è la procedura per richiedere l'installazione di un'ADSL?
Cos'è l'opzione fast?
Cos'è l'indirizzo IP?
Si può avere ADSL senza linea TELECOM?
Quanto costa l'opzione No Telecom?
Posso disdire una linea telefonica su cui è attivo un servizio ADSL?
Cosa dice il decreto Bersanisulla durata del contratto dell' ADSL?
Come si trasforma una linea voce Telecom in sola linea dati?
Quali sono le ultime comunicazioni dell'Authority?

Cosa vuol dire la parola Adsl?
ADSL è l'acronimo di Asymmetric Digital Subscriber Line ovvero: "linea asimmetrica di collegamento digitale". Tale tecnologia trasforma un normale doppino telefonico in una linea digitale ad alta velocità. Essa fornisce un accesso diretto e dedicato all'Internet Service Provider.

Perché si parla di trasmissione asimmetrica?
Il termine asimmetrico sta a significare che il traffico dei dati sul cavo avviene a velocità maggiore in ricezione rispetto alla trasmissione. Ciò rende tale soluzione particolarmente appetibile per gli utenti che stimano di dover scaricare molti più dati di quelli che inviano. Ciò accade, solitamente, durante l'esecuzione di download da internet, all'interno di grandi intranet aziendali e nelle applicazioni di streaming audio-video.

Qual è la velocità di una linea ADSL?
La velocità è solo teorica: in ricezione circa 10 volte maggiore del normale modem 56Kb; mentre in trasmissione (upload) la velocità è quella di una linea ISDN.[ dati 02/2012 ]
I valori raggiungono un massimo di 1 Mbps in upload ed 8 Mbps in download. E' bene precisare che i valori massimi consentiti dall'ADSL Telecom Italia sono 128 Kbps in upload (pari ad una linea ISDN) e 640 Kbps in download (5 volte superiore ad una linea ISDN).

L'ADSL è sicura?
Aspetto nient'affatto secondario, avere un firewall previene l'utente dal rischio di aggressioni dall'esterno; infatti quando si è collegati ad Internet in ADSL si genera un IP fisso che potrebbe essere identificato ed usato come backdoor, garantendo in tal modo l'accesso al sistema ed ai dati in esso contenuti. Esistono offerte ADSL che prevedono l'integrazione del firewall e che pertanto garantiscono il massimo della sicurezza.Per sicurezza è comunque meglio averlo sul proprio pc. Trova un firewall

La banda della mia linea ADSL viene condivisa con altri utenti ?
No. Ma dal tratto di cavo che va oltre il proprio provider (ISP), si usa un mezzo di comunicazione condiviso con altri utenti sulla stessa linea, per cui le prestazioni variano, anche in misura notevole, in funzione del carico di traffico e degli altri utenti.

 

Che cos'è la velocità minima garantita ?

La quasi totalità dei provider parlano solo di velocità nominale, ad esempio "1280/256", che di per sè non vuol dire assolutamente nulla.
Infatti la "velocità nominale" non è la "velocità di navigazione", ma è solo la velocità "teorica" tra il pc dell'utente e la centrale telefonica di quartiere, quindi nulla a che vedere con Internet che sta molto più a valle.
La velocità dipende infatti dalla banda che viene messa a disposizione, dalle condizioni della rete, dalla disponibilità del server a cui ci si connette etc...

Pochi provider ( tiscali e NGI- dati al 02/2012) parlano invece di velocità minima garantita, offrendo un minimo contrattuale che varia da 128 Kb/s a 1024 kb/s sui profili adsl flat.

Che significa BMG e MCR ?

Sono 2 acronimi.
BMG sta per Banda Minima Garantita e rappresenta l' effettiva velocità minima che un provider garantisce di dedicare alla nostra ADSL.
MCR sta per minimum cell rate e rappresenta invece la banda minima configurata negli apparati del provider che promette, ma non ha obbligo di mantenere come nel caso di BMG
Ecco i provider che garantiscono la banda minima:
www.ngi.it
www.tiscali.it

Per approfondire l'argomento vai sul forum

Come contesto al provider una BMG non mantenuta?
Non basta che per un minuto, un'ora od una giornata non sia rispettata la banda mimima garantita BMG.
Nei contratti i provider si tutelano parlando di 60 giorni ininterrotti sotto la BMG da documentare.
Tralasciando la follia di questa norma che renderebbe la BMG una garanzia nulla, basta che con pazienza ogni giorno, a ore diverse , salvate degli screenshot (videate) semplicemente con i tasti ALT e STAMP che evidenziano la velocità istantanea della vostra ADSL.
In breve: collegatevi ad una pagina tipo speed test; aprite il datario del desktop per garantire data e ora; ALT e STAMP; salvate l' immagine con la data.
Dopo aver raccolto screenshot per una settimana, inviate l' email con gli allegati al provider.
N.B: cercate bene l' indirizzo e-mail corretto a cui inviare o meglio ancora usate la pagina del provider di supporto.

Quanti tipi di ADSL esistono?
L'ADSL è una linea dedicata della categoria delle connessioni DSL.
Ecco le tipologie esistenti:
. ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line: 1,5 Mbps-384 kbps/384-128 kbps
. HDSL High-bit-rate Digital Subscriber Line: 1.5 Mbps/1.5 Mbps (4 fili)
. SDSL Single-line Digital Subscriber Line: 1.5 Mbps/1.5 Mbps (2 fili)
. VDSL Very high Digital Subscriber Line: 13 Mbps-52 Mbps/1.5 Mbps- 2.3 Mbps.
. IDSL ISDN Digital Subscriber Line: 128 Kbps/128 Kbps.
. RADSL Rate Adaptive Digital Subscriber Line: 384 Kbps/128 Kbps
. UDSL Universal Digital Subscriber Line: 1.0 Mbps-384 Kbps/384 Kbps-128 Kbps chiamata anche "splitterless" DSL o DSL-Lite, dato che non richiede alcun separatore di segnale (splitter).

Come si telefona via Internet (VOIP ) ?
Per telefonare via Internet, basta un collegamento ( ADSL - ISDN ), una cuffia con microfono, un telefono VOIP o meglio un ATA - adattatore telefonico per usare il tuo telefono tradizionale, anche cordless.

Mi serve un nuovo numero di telefono per la linea ADSL ?
No. L'operatore telefonico abilita il vecchio numero per l'utilizzo dell'ADSL.
Iinfatti la linea usa le frequenze comprese nello spettro audio del telefono; tale effetto viene ottenuto installando alle due estremità della linea l'equipaggiamento DSL; il cavo di rame deve però essere in grado di sostenere le frequenze più elevate che vengono a generarsi lungo l'intero percorso. Ciò significa che, dal punto di vista tecnico, bisogna evitare o rimuovere tutti quegli strumenti che limitano la banda, come i coil.

A cosa serve il microfiltro ADSL (splitter) ?
I "microfiltri" (splitter), installati tra la borchia del telefono e l'apparecchio, sia sul proprio computer sia su quello del provider separano il segnale telefonico tradizionale (voce), da quello "dati" della linea ADSL. Lo splitter ha 3 funzioni.
La prima è quella di fare da punto di demarcazione che separa l'impianto della Compagnia Telefonica da quello di casa.
La seconda è quella di separare fisicamente il segnale DSL proveniente dalla centrale telefonica in un canale dati separato da quello voce.
La terza funzione degli splitter, che risulta di estrema utilità per il corretto funzionamento dell'ADSL, è la capacità di isolare il modem ADSL dagli eventuali segnali ad alta frequenza generati dall'apparecchio telefonico. Nel caso si desideri installare solo il modem ADSL o la vostra telefonia è su Internet ( cioè la quasi totalità ormai - dati 02/2012 ) non vi è necessità di utilizzare splitter.
Lo splitter è passivo e non è alimentato da corrente, in modo da permettere il funzionamento del canale voce anche nel caso di assenza di alimentazione elettrica. Il segnale proveniente dalla compagnia telefonica è inviato allo splitter sulla normale linea a 2 fili di casa. Lo splitter è ospitato nell'Interfaccia di Rete (NID) presente all'esterno dell'edificio.

Posso usare la mia normale linea telefonica se il modem ADSL ha problemi ?
Si. Il modem non inibisce la linea telefonica tradizionale, anche se scollegato o malfunzionante.

Con l' ADSL continuo a pagare le telefonate ?
Sì. Non si paga invece il numero di ore di collegamento ad Internet.
L'unica spesa per l'ADSL consisterà in un contributo di attivazione , se richiesto, ed un canone mensile di utilizzo.

Perche' pur avendo cessato il contratto fonia con Telecom, continuo a pagare il canone ?

Scontato che sia stata eseguita la corretta procedura per la disdetta a Telecom, si ricordi che sicuramente alla data di ricezione della vostra raccomandata, è in corso il bimestre corrente di canone che Telecom intanto vi fa pagare per intero, salvo storno della maggior somma pagata fino alla fine del bimestre corrente. Telecom oltretutto non comunica subito la data di presa in carico della procedura di disdetta, e la data di ricezione raccomandata non fa fede ( magari lo sarà se andate per avvocati).
Quindi dalla vostra raccomandata, sappiate che dovete aspettare almeno la bolletta bimestrale che include il periodo di canone OLTRE la data di ricezione della vostra raccomandata e solo allora potete preoccuparvi se: nei successivi 6 ( sei) mesi non vi spediscono raccomandata contenente l' assegno di rimborso.
Un consiglio: cominciate intanto a non usare Telecom per le telefonate e risparmiate su quei costi.
Vai su www.viavai.com/voip per altre informazioni...

Qual è la procedura per richiedere l'installazione di un'ADSL?
1- Verificate se il numero telefonico che intendete usare ha la "copertura adsl"
2- scegliete una delle offerte indicate
Tutta la parte amministrativa, inclusa l'eventuale disdetta della linea pre-esistente è a carico del provider

Perché l'ADSL ha diverse velocità ?
Il problema di base è il cablaggio della rete telefonica ormai centenario col doppino di rame. Funziona egregiamente per il telefono analogico, ma è una sfida per il segnale digitale. Ricordate che piu' è lungo il doppino e meno veloce è la trasmissione dati che può supportare. Le tecnologie rate-adaptive, ovvero quelle impiegate nell'ADSL, sono eccellenti per avere un segnale digitale in molte situazioni, ma non possono fornire una banda passante consistente in tutte le situazioni, specialmente per doppini molto lunghi (oltre 35 km). Le velocità elevate saranno disponibili solo per situazioni e/o applicazioni particolari dato che potranno essere fornite solo su una piccola percentuale dei doppini disponibili.

Cos'è l'opzione fast ?
L'opzione Fast, contrapposta alla modalità Interleaved, consente la trasmissione più veloce dei pacchetti di dati perchè non prevede il un controllo degli errori nei pacchetti di dati trasmessi e ricevuti, riducendo di conseguenza i tempi di ping.
La modalità Interleaved invece fa questo controllo.
L'opzione Fast è ideale per servizi quali gaming on-line, video conferenze, streaming audio/video, Voice Over IP e altre applicazioni real time.

Cos'è l'indirizzo IP ?
Quando ci si connette ad Internet ci viene assegnato un numero di IP (costituito da 4 cifre numeriche ad esempio 192.215.xxx.xxx) che identifica il nostro computer sulla rete in modo univoco e perciò diverso da tutti gli altri. Gli indirizzi IP possono essere assegnati in modo dinamico o statico.
IP DINAMICO: si assegna un nuovo e diverso indirizzo IP ogni volta che l'utente si connette alla rete.
IP STATICO : si assegna all’utente un indirizzo IP predefinito, fisso ed univoco che sarà sempre quello ad ogni connessione. L'indirizzo statico è necessario per chiunque voglia utilizzare la rete Intranet

Quanto costa l'opzione No Telecom?

Il costo è quello dell' attivazione di una nuova linea solo dati. Con NGI nulla dal 2009,per altri provider verificate le offerte. Ovviamente è un costo una tantum, poichè una volta installata, la linea è vostra e ci mettete sopra l' ADSL e/o il VOIP che volete voi.

Si può avere ADSL senza linea TELECOM ?
Si. Dove ci sia copertura adsl è possibile attivare le connessioni Adsl senza avere una linea telefonica, richiedendo l'installazione della sola linea dati.
In questo caso occorre indicare un numero di telefono di un vicino di casa o di un'attività commerciale quanto più prossimo possibile al vostro domicilio e sulla stessa parte della strada, non difronte.
Tale numero serve ad individuare la centrale telefonica di pertinenza.
Con questa soluzione risparmiate metà del canone Telecom Italia (dal 2006 con delibera 34/06/CONS Telecom ha vinto il ricorso per ottenere comunque dal vostro provider , che lo scarica su di Voi, una cifra per l'uso della su ainfrastuttura che oscilla dagli 8.5 ai 10.00 euro +iva /mese).Chi vi racconta che non pagate piu' il canone Telecom, racconta panzane: ne pagate circa la metà ad un soggetto diverso e sotto altra dicitura.

Posso disdire una linea telefonica su cui è attivo un servizio ADSL?

Si è possibile disdire il contratto telefonico con Telecom Italia anche se sussiste su tale linea un contratto di ADSL.
Non è detto che si perda l' ADSL, ma è probabile. Infatti alcuni provider si assumono l' onere amministrativo della richiesta di trasformazione di una linea voce in una linea solo dati e percio' mantenendo attiva l' ADSL con le caratteristiche di una connessione in opzione "No Telecom" come previsto dalle attuali normative di settore, di cui si riporta un’estrema sintesi:

- Delibera AGCOM n. 217/00/CONS Art. 1 comma 2, che sancisce l’indipendenza dell’Adsl dal contratto telefonico Telecom. - Delibera AGCOM n. 34/06/CONS, che regolamenta le connessioni su linea divenuta o nata come “solo dati” - Art. 617 quater codice penale, che prevede le sanzioni per chi in dispregio di leggi o regolamenti provvede alla chiusura illecita di un collegamento telematico. Non sarà necessario corrispondere il costo dell’attivazione della “Opzione No telecom”.Al momento non ci sono altri costi per il cliente, tuttavia AGCOM (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) con la delibera 34/06/CONS pubblicata il 22 Febbraio 2006 nel numero 44 della Gazzetta Ufficiale (supplemento ordinario) in vigore dal 9 marzo 2006 avrebbe autorizzato Telecom Italia SpA a richiedere agli Internet Service Provider un canone mensile aggiuntivo per la fornitura degli accessi ADSL in modalità "No Telecom", ovvero sulle connessioni adsl attivate su linea dati. L'ammontare di questo canone mensile potrebbe essere, secondo una delle possibili interpretazioni, di circa 8,50 euro + IVA (importo comunque inferiore a quello richiesto da Telecom Italia in sede AGCOM). Nonostante ciò le associazioni di categoria Assoprovider ed Aiip, si stanno battendo presso le sedi competenti affinché questa scelta venga abbandonata, la precedente ipotesi potrebbe verificarsi. In tal caso i provider trovandosi a subire il maggior costo relativo alla linea dati da parte di Telecom Italia, saranno costretta a riaddebitare il suddetto canone ai propri clienti retroattivamente a far data dall’applicazione della delibera, in coerenza alle decisioni dell’AGCOM. Molti provider, fintanto che AGCOM non si pronuncerà definitivamente, hanno deciso temporaneamente di non fatturare nessun canone aggiuntivo ai propri clienti adsl attivati su linea dati. Qualora AGCOM si pronunciasse in maniera definitiva a favore dell’introduzione del canone sulle adsl attivate su linea dati,stanno valutando diverse strade per attenuare l’impatto economico sulla propria clientela, ad esempio sotto forma di servizi aggiuntivi.

* AGCOM (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) con la delibera 34/06/CONS pubblicata il 22 Febbraio 2006 nel numero 44 della Gazzetta Ufficiale (supplemento ordinario) in vigore dal 9 marzo 2006 avrebbe autorizzato Telecom Italia SpA a richiedere agli Internet Service Provider un canone mensile aggiuntivo per la fornitura degli accessi ADSL in modalità "No Telecom", ovvero sulle connessioni adsl attivate su linea dati. L'ammontare di questo canone mensile potrebbe essere, secondo una delle possibili interpretazioni, di circa 8,50 euro + IVA (importo comunque inferiore a quello richiesto da Telecom Italia in sede AGCOM). Nonostante le associazioni di categoria Assoprovider ed Aiip, si stiano battendo presso le sedi competenti perchè questa no sia applicato tale canone,questa ipotesi potrebbe verificarsi. In tal caso i provider potrebero ri-addebitare il suddetto canone ai propri clienti retroattivamente a far data dall’applicazione della delibera, in coerenza alle decisioni dell’AGCOM.
Taluni provider potrebbero anche compensare in parte o per intero l’importo addebitato, sotto forma di servizi aggiuntivi.

Glossario (Fonte:Wikipedia)

Backdoor Firewall Ping

Backdoor : Le backdoor in informatica sono paragonabili a porte di servizio che consentono di superare in parte o in toto le procedure di sicurezza attivate in un sistema informatico. Queste "porte" possono essere intenzionalmente create dai gestori del sistema informatico per permettere una più agevole opera di manutenzione dell'infrastruttura informatica, e più spesso da cracker intenzionati a manomettere il sistema. Possono anche essere installate autonomamente da alcuni malware (come virus, worm o trojan), in modo da consentire ad un utente esterno di prendere il controllo remoto della macchina senza l'autorizzazione del proprietario. Un esempio celebre è il programma Back orifice, che attiva una backdoor sul sistema in cui viene installato, dando la possibilità a chiunque ne conosca l'indirizzo di controllare la macchina. Oltre ad essere molto pericolosi per l'integrità delle informazioni presenti sul sistema, le backdoor installate dai virus possono essere utilizzate per condurre degli attacchi di tipo DDoS.

Firewall:In Informatica, nell'ambito delle reti di computer, un firewall (termine inglese dal significato originario di parete refrattaria, muro tagliafuoco; in italiano anche parafuoco o parafiamma) è un componente passivo di difesa perimetrale (hardware o software) che può anche svolgere funzioni di collegamento tra due o più tronconi di rete. Usualmente la rete viene divisa in due sottoreti: una, detta esterna, comprende l'intera Internet mentre l'altra interna, detta LAN (Local Area Network), comprende una sezione più o meno grande di un insieme di computer locali. In alcuni casi è possibile che si crei l'esigenza di creare una terza sottorete detta DMZ (o zona demilitarizzata) atta a contenere quei sistemi che devono essere isolati dalla rete interna ma devono comunque essere protetti dal firewall. Grazie alla sua posizione strategica, il firewall risulta il posto migliore ove imporre delle logiche di traffico per i pacchetti in transito e/o eseguire un monitoraggio di tali pacchetti. La sua funzionalità principale in sostanza è quella di creare un filtro sulle connessioni entranti ed uscenti, in questo modo il dispositivo innalza il livello di sicurezza della rete e permette sia agli utenti interni che a quelli esterni di operare nel massimo della sicurezza.

cerca un firewall

Ping: è un programma libero disponibile sui principali sistemi operativi che misura il tempo, espresso in millisecondi, impiegato da uno o più pacchetti ICMP a raggiungere un altro computer o server in rete (sia essa Internet o LAN) ed a ritornare indietro all'origine. È prettamente utilizzato per conoscere la presenza e la raggiungibilità di un altro computer connesso in rete. Tecnicamente ping invia un pacchetto ICMP di echo request e rimane in attesa di un pacchetto ICMP di echo response in risposta. Solitamente infatti la parte di sistema operativo dedicata alla gestione delle reti (stack di rete) è programmata per rispondere automaticamente con un pacchetto echo response alla ricezione di un pacchetto di echo request. L'autore originario di ping fu Mike Muuss che lo scrisse nel 1983 come tool diagnostico di rete mentre lavorava al Ballistics Research Lab dell'US Army. Il nome originario era dovuto alla somiglianza del programma da lui creato ad un sonar marino che appunto emette dei ping e aspetta il ritorno del suono dopo che questo è rimbalzato sul bersaglio. In seguito David L. Mills ha definito ping come l'acronimo di Packet InterNet Groper (ricercatore di pacchetti Internet). Solitamente ping è uno strumento molto utile e in alcuni contesti necessario ma il fatto che la risposta ad un ping avvenga sempre e comunque in maniera automatica lo ha reso uno degli strumenti preferiti per gli attacchi di tipo DoS o DDoS. Infatti se ad un gran numero di computer viene inviato un pacchetto echo request con un ben preciso indirizzo ip mittente falsificato (spoofato in gergo internet) questi computer saranno portati automaticamente a rispondere al falso indirizzo ip inondandolo (flood) di pacchetti echo response. Questo potrebbe causare l'irraggiungibilità o (in caso di modem con scarsa larghezza di banda) la disconnessione della vittima da internet. Un tipico esempio di questo attacco era lo smurf, oggi difficilmente praticabile. Un altro uso maligno del tool ping consisteva nell'uso del flag -f del programma che comportava un massiccio invio di pacchetti echo request verso la vittima designata. Se l'attaccante aveva un ampia larghezza di banda poteva facilmente floodare il destinatario mandando in crisi lo stack di rete e di conseguenza il sistema operativo della vittima impossibilitato a ricevere e a rispondere a tutti i pacchetti in arrivo.

Cosa dice il decreto Bersani sulla durata del contratto dell' ADSL?
I contratti Adsl normalmente hanno la durata di un anno è si considerano tacitamente rinnovato di un ulteriore anno alla scadenza, fatto salva la possibilità per i clienti residenziali(ovvero non possessori di partita iva), in ottemperanza al Decreto-legge 31 gennaio 2007, n.7, di recedere in qualunque momento presentando disdetta con un preavviso di trenta giorni.
Non è detto tuttavia che la disdetta avvenga senza spese per il cliente , in quanto i providers sostengono di avere dei costi per il distacco del servizio e pertanto vogliono che siano addebitati al cliente stesso.
Per i clienti aziendali (ovvero possessori di partita iva) la disdetta potrà essere presentata entro 60 giorni dalla scadenza annuale.

Come si trasforma una linea voce Telecom in sola linea dati ?

La linea ADSL quasi sempre è integrata su un doppino telefonico dove c'è già una linea voce analogica di telefonia tradizionale.
Ill funzionamento è dato dal collegamento nella centralina Telecom piu' vicina.
Telecom ha fatto in passato difficoltà di disponibilità di linee per chi richiedeva ADSL non Telecom che ha imposto l’installazione fisica di un secondo doppino imponendo un maggior costo di installazione intorno a 99 Euro + Iva.
A queste resistenze di Telecom è intervenuta AGCOM (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) con delibera n. 217/00/CONS Art. 1 comma 2, l’indipendenza dell’Adsl dal contratto telefonico.
I clienti che acquistano un'Adsl di altro operatore su linea telefonica, possono disdire il contratto telefonico con Telecom Italia, senza che ciò comporti la disattivazione di servizi di altro operatore coesistenti. In tal caso l'Adsl di altro operatore resterà attiva e assumerà automaticamente le caratteristiche di una connessione in opzione "No Telecom" come previsto dalle attuali normative di settore, di cui si riporta un’estrema sintesi Delibera AGCOM n. 217/00/CONS Art. 1 comma 2, che sancisce l’indipendenza dell’Adsl dal contratto Telefonico Telecom Delibera AGCOM n. 34/06/CONS, che regolamenta le connessioni su linea divenuta o nata come “solo dati” Art. 617 quater Codice Penale, che prevede le sanzioni per chi in dispregio di leggi o regolamenti provvede alla chiusura illecita di un collegamento telematico

Tuttavia AGCOM ha autorizzato Telecom Italia SpA a richiedere agli Internet Service Provider un canone mensile aggiuntivo per la fornitura degli accessi ADSL in modalità "No Telecom",cioe' su linea dati.
L’ importo variabile è di circa 8,50 euro + IVA
Attenzione: E’ molto importante evidenziare nella lettera di disdetta che va inviata per raccomandata ed anticipata via Fax la diffida nei confronti di Telecom dal distacco dei servizi di altro operatore esistenti sulla linea telefonica in oggetto in forza di quanto espresso precedentemente da parte di AGCOM.

Come agire:
se avete la Linea ADSL Telecom:

- 1° Disdetta ADSL Telecom
- 2° Acquisto di ADSL di altro operatore
- 3° Disdetta della linea telefonica Telecom

Se avete una linea ADSL di altro operatore:
- 1° Disdetta della linea telefonica Telecom

 

Quali sono le ultime comunicazioni dell'Authority?

Blocco chiamate a sovrapprezzo -Delibere n. 78/02/CONS, 179/03/CSP, 718/08/CONS e 97/08/CONS: i gestori devono impegnarsi a predisporre strumenti e misure atte a tutelare gli utenti e in particolar modo a garantire i diritti dei minori nell'accesso e nell'uso dei servizi di telecomunicazione. A tal fine a partire dal 30/6/08 tutte le numerazioni a sovrapprezzo vengono bloccate in maniera automatica
Procedura di conciliazione:Delibera n. 173/07/CONS: in caso di mancato accoglimento del reclamo da parte del gestore, il cliente potrà avviare il tentativo di conciliazione presso i Co.re.com, presentando un'apposita istanza mediante la compilazione del "Formulario UG". Per i dettagli sulla procedura e sulle modalità di compilazione di detto formulario è possibile consultare la delibera sul sito www.agcom.it.
Conciliazione paritetica: la Conciliazione Paritetica è una negoziazione tra 2 parti, un'Associazione dei consumatori scelta dal cliente ed un conciliatore in rappresentanza del Gestore. Le due parti si confronteranno, in posizione di assoluta parità, nel tentativo di trovare un accordo soddisfacente per il cliente. Per avanzare una richiesta di conciliazione si potranno utilizzare i moduli prestampati disponibili presso le sedi territoriali delle Associazioni dei Consumatori o reperibili nei siti delle stesse Associazioni

risoluzione anticipata dei contratti SENZA PENALE<--- GoodNews---> :
dal 1° di Maggio 2007 gli operatori di rete fissa e Internet stanno abolendo i canoni annuali, per adeguarsi al decreto Bersani sulle liberalizzazioni.
infatti finora la disdetta anticipata significava pagare i canoni restanti fino a fine del contratto annuale ed un preavviso per iscritto (raccomandata A.R.) di 60 giorni.
Con l'applicazione del decreto, il preavviso scende a 30 giorni e non si pagano più i canoni restanti.
La penale, che gli operatori (€ 50.00-60.00 ?) addebitano all'utente in caso di recesso anticipato resta, ma non senza polemiche: secondo le associazioni dei consumatori questa penale va contro il decreto Bersani. Gli operatori invece dicono che il decreto consente l'addebito delle spese se la disdetta comporta loro dei costi.

Tutto cio' vale anche per i vecchi utenti e non solo sui nuovi contratti !!!
Telecom Italia ha pubblicato una notizia, sul sito 187.it: "Allo scopo di coprire i costi che Telecom Italia sostiene per la disattivazione della linea telefonica, nonché del servizio ADSL, sarà introdotto per le sole cessazioni che avvengono nel primo anno di vigenza contrattuale un costo di disattivazione pari a 48 Euro (IVA inclusa) una tantum; in caso di cessazione contestuale del servizio ADSL, l'importo complessivo dovuto sarà pari a 60 Euro (IVA inclusa). Tale costo sarà addebitato a partire dal 1° maggio".
Cioè, si pagheranno 48 euro se si disdice l'Adsl di Telecom oppure la sola linea fissa.
60 euro se si disdicono entrambe le cose (si tenga conto che Alice Adsl muore per forza insieme con la linea fissa). N.B: una nota di pochi giorni prima annunciava che la penale sarebbe stata di 40 euro.

Telecom si giustifica parlando di costi sopportati per l'attivazione/disattivazione della linea.
Gia' però l'utente paga 150 € per una nuova linea fissa e dubitiamo che a Telecom costi 48 € disattivarla, anche perchè è un' operazione fatta in centrale, senza uscita di un tecnico nella quasi totalità dei casi.
Per eventuali chiarimenti e news vi rimandiamo all'Autorità Garante delle Comunicazioni (Agcom) .
Inatanto le associazioni dei consumatori (quali Aduc e Altroconsumo) richiedono l' azione di Agcom, che ora sta studiando il da farsi.

Altri argomenti trattati nelle delibere Agcom:

Indipendenza dell’Adsl dal contratto telefonico Telecomta come “solo dati”: Delibera n. 34/06/CONS

Sanzioni per chi in dispregio di leggi o regolamenti provvede alla chiusura illecita di un collegamento telematico: Delibera AGCOM n. 34/06/CONS Art. 617 quater codice penale,

Ordina ora


Untitled Document

ADSL: Base | Top | su cavo dati | Tutte le ADSL | Confronto ADSL | Moduli disdetta |Test velocita' | Telefonia | VOIP | Software | Forum | F.A.Q | Email

Acquisti : Modem | Router | Voip | Wireless | Antenne

 


credito skype

inserimento nei motori di ricerca diffondi

credits Hosted dominiehosting.com ...Web developed viavai.com ...URL Submitted Ranked by Primineimotori
VIAVAI
® trademark 1997/2017 © copyright
Ogni riproduzione e copia di tutto o parte del marchio verrà perseguita a termini di legge.
Graphic Design by Ady & Princess. All rights reserved
Privacy Diritto di recesso Martini sas P.IVA 01279330243